Dischi belli che abbiamo trovato su soundcloud

Tanto lo sapete, in questi anni con la scena soundcloud vi abbiamo rotto abbastanza i coglioni. ††MEGADROP†† è il progetto che abbiamo creato come strumento di ricerca – ossessiva – compulsiva – una roba da persone che non stanno benissimo e per molti, non hanno un cazzo da fare. Eppure tutto il movimento che abbiamo visto nascere, crescere e poi decollare da questo social (che poi in realtà è una piattaforma di streaming) ci ha permesso di tornare alla parte genuina della musica indipendente. Quella fatta veramente in casa dal proprio computer, che figlia di una pandemia mondiale che tutti conosciamo, ha permesso anche delle connessioni digitali da Nord e Sud e in varie parti del mondo. Insomma è stato possibile fare collaborazioni con semplici messaggi su instagram, senza troppi manager o etichetta tra i piedi. Ecco, questa naturalezza con cui si scrive una canzone, si collabora, si esporta e sei subito in casa di altri con qualcosa che hai concepito poco prima, ci ha ricordato il motivo per cui questo collettivo/gruppo di persone è nato, ovvero la sincerità con cui si provano a fare le cose. Perchè alla fine provare senza essere professionali, ti aiuta una marea nel conoscerti. E conoscersi alla fine non ci lascia soli. Questo conta. Di seguito però, tolta questa poesia inutile, abbiamo selezionato un po’ di dischi, che ci sono piaciuti tantissimo, quasi tutti in esclusiva su soundcloud. Prego, mettetevi le cuffie, sentitevi meno soli.

Uomini che parlano con uomini su come risolvere la questione femminile nella musica Italiana

Sul tema dell’industria musicale e il sesso femminile si è detto tanto. Abbiamo visto dati, classifiche, opinioni, tentativi di dibattito e poche soluzioni. Perché il mercato difficilmente ha soluzioni e sicuramente bisogna cercare di affrontare la questione facendo qualche passo indietro. Noi siamo una realtà attiva nella ricerca, nello scovare con curiosità (e non sempre professionalità) qualcosa che si muove. Non importa il genere, non importa la scatola in cui chiuderlo e raccontarlo, importa solo che sia in movimento. Ci sarebbero molte cose da aggiungere su come viene percepito il sesso femminile nell’ambiente musicale, non solo a livello artistico ma soprattutto tra pubblico, operatori o semplicemente nei seguaci digitali. Si può sicuramente partire dalle idee malsane di un ambiente maschile molto simile a uno spogliatoio, che troppo spesso si arroga il diritto di trovare una soluzione, creando così, ancor di più un problema. Un precedente. Uomini che parlano con altri uomini su come migliorare la situazione femminile nell’industria musicale in Italia? Nulla di più spogliatoio del calcetto possa esistere. Noi facciamo l’unica cosa necessaria, ci mettiamo da parte e proviamo a demistificare il tutto, a fare ciò che sappiamo fare meglio e vedere se può essere utile girare lo sguardo su alcuni progetti femminili che meritano un giusto focus nel nostro paese. Non abbiamo scelto classifiche o playlist, siamo andati a ballare e ci siamo resi conto di tutta la potenzialità che viene dal sottosuolo e di quanto possa essere politico tutto ciò. Non ci sono copertine, non ci sono linee editoriali, strategie del cazzo. Si torna all’aspetto genuino e animale della questione.

Un articolo che piace molto agli addetti ai lavori

E alla fine venne il giorno. Questo è quel tipo di contenuto che resta lì nel mare d’internet e invecchierà benissimo. Lo farà perchè abbiamo indicizzato i nomi degli artisti così tra qualche tempo raccoglieremo i frutti dei miliardi di seguaci che avranno ai loro concerti e/o nelle loro attività digitali (magari diventeranno tutti potentissimi youtuber di candid camera o cose così). Di base, nelle ultime settimane avevamo letto che ci sarà una specie di algoritmo per trovare la nuova popstar, quindi sostanzialmente tutto il lavoro di ricerca e crescita di un progetto musicale non ha più senso d’esistere. Un buon modo questo, così come altre cose divertenti che accadono intorno a noi, per ribadire come sempre alcuni concetti chiari di chi fa questo lavoro o vive la musica con estrema trasparenza: i progetti non si esauriscono con le release e le playlist del Venerdì sera + non deve fregare un cazzo a nessuno dei numeri + lasciamo crescere i progetti in maniera organica + non comprate playlist per i vostri brani + non fatevi fregare da etichette discografiche o management che forniscono servizi (che non esistono). Insomma noi siamo fatti così, siamo nati stronzi e questo lavoro che andrebbe retribuito un sacco di soldi dalle multinazionali ve lo forniamo gratuitamente. Così tu che stai leggendo puoi mettere sotto contratto questi progetti indipendenti (o con realtà indipendenti) e fare l’offerta giusta, nel momento giusto. Magari in cambio ti chiediamo una condivisione, un grazie, un complimenti, un sticazzi. Ci piace il concetto di bootleg legato all’arte, forse, dopo questo regalo, torneremo a lavorarci sopra perchè potrebbe essere una via d’uscita dai problemi di questo sistema/mondo/mercato, chiamatelo come cazzo vi pare. Mettete le cuffie, buon ascolto.

ps: se cliccate sul nome andate subito su instagram così fate prima 🙂

☻BANDCAMP TAPE.05☻

Usciamo dai soliti schemi e prepariamoci a un futuro distopico. Ma pure il presente non è mica meglio. Su Bandcamp abbiamo la possibilità di girare il mondo, trovare nuovi stimoli e buttarci alle spalle quello che ci toccherà prima o poi uscendo di casa. Abbiamo raccolto 22 dischi che ci sono piaciuti tantissimo in queste settimane e per fortuna siamo riusciti a trovare nuove realtà in grado di spostare il nostro umore. Ci sembra il minimo condividere, quello che per noi è stato il meglio di Bandcamp appena rilasciato. Cuffie e prendetevi anche voi il tempo necessario.

LORENZO MORRESI&TENDERLONIOUS – ACQUA 

MOLVEN – HAZE

NEBEL LANG – DIRECTIONS FOR STOPPING 

WHITESQUARE – DISCREET MOMENT THING PT.2

EMANUELE TRIGLIA – MAKE IT PURE

INFERNAL MOSQUITOES – ANTIGUA

MODERN ERROR – VICTIM OF A MODERN AGE

FULU MIZIKI – NGBAKA EP

THIS ETERNAL DECAY – NOCTURNÆ

THEORETICAL – TIMELINE

AGENTE COSTURA – BLEIBE RECHT FÜR ALLE

A/N – ACIE E R R

CIAO ITALIA. GENERAZIONI UNDEGROUND 

EVENTLESS PLOT – APATRIS 

FUSIONE – FUSIONE

WEAKENED FRIENDS – QUITTER

DJ ARCHAEA – TPA (INCL.FACTA / RIP SWIRL REMIXES) 

JEROME – LP2

LES BELMONDO – RUE ST.HONORÉ

NACHT PLANK – ECHO ARK 

KONTINUM – URBAN VOICES

BUKE AND GASE / SO PERCUSSION – A RECORD OF

☻BANDCAMP TAPE.04☻

Superata l’estate si torna nei luoghi più oscuri e con il freddo a coprire le nostre paure, vi facciamo navigare su bandcamp dove abbiamo trovato dei dischi incredibili, non solo e puramente made in Italy, ma raccolte fuori di testa, per tutti i generi, roba che va lanciata nella stratosfera senza dimenticarci di non inquinare. Ci sono le chitarre, tante chitarre, ma c’è anche l’elettronica, quella cruda, dritta per dritta senza dimenticarci di un prelibato ritorno su questi schermi del Jazz, grazie a nuove gustose sfumature. Insomma, quello che abbiamo trovato in questi mesi potete ascoltarlo qui, per noi è la compagnia migliore ma sicuramente ci siamo persi qualcosa, ma tanto le regole son ben note, basta scriverci e se ci piace pubblichiamo tutti. E no, non facciamo pagare un cazzo. Ora basta stronzate, mettetevi le cuffie, fidatevi.


VELVET TANK – GRAND THEFT AUDIO

SYNALEGG – COMPUTER SERIES

BAZAAR – ORANGE EP

Pu̅trid_山arECIRCADIAN BROADCASTING

COLLETTIVO ARMONICO – YOUR ROSE

VRACH, ARBON THE GHOST – DIABLO

BO!LED – DIFFERENT, US

CALCK – RADIO MIGUELITA

IMANUELA – THIEF

BLAK SAAGAN – SE CI FOSSE LA LUCE SAREBBE BELLISSIMO

W.H. LUNG – VANITIES

NUOVO TESTAMENTO – NEW EARTH

RHUCLE – WITH

RAMBAL COCHET – ENTER THE INFINITE

MARTINA LUSSI&TIM SHAW – FIELDREORDER 01

NGHTLY – ANIMI INTROVERSI

AUDIOKIDNAPPING – DUST AND BONES

PLUHM – AMBIENTI E ROVINE

ANDBERG – LIEVESFERA

ALAN BACKDROP –ÆTHERNA


☻BANDCAMP TAPE☻ è un modo per mettere insieme la musica che ascoltiamo in quello che reputiamo il mezzo migliore per trovarla. Ci sono nuove uscite e rarità, se volete vi basta mandarci tutto a info@collettivohmcf.com noi continuiamo a cercare, voi seguiteci nel viaggio.

††MEGADROPPATACIAOESTATE††

SIAMO TORNATI. FINALMENTE. CI ERAVAMO ROTTI IL CAZZO DELL’ESTATE E DI ASPETTARE IL MOMENTO GIUSTO PER FARE USCIRE IL MEGLIO CHE ABBIAMO TROVATO SU SOUNDCLOUD IN QUESTO PERIODO TERRIBILE DENOMINATO ESTATE. SCRIVIAMO IN CAPS LOCK PERCHÈ STIAMO GRIDANDO. CLICCA QUI SOTTO, CI SONO DELLE PERSONE FUORI DI TESTA. AH, SOTTO CI SONO LE REGOLE DEL GIOCO. CIAO.


††MEGADROP†† è un nuovo percorso che abbiamo creato con la naturale esigenza di condividere e ascoltare nuove proposte, la copertina è di @livialbanese, se avete voglia, proponeteci le vostre canzoni su info@collettivohmcf.com la pubblicazione è gratuita, non chiediamo soldi e non vendiamo un cazzo di niente. VAFFANCULO A TUTTA L’ESTATE.

Non è più ciò che vogliamo.

Una lunga estate, che non sembra finire mai, in cui rischiamo di perderci, dove partecipiamo e ci sentiamo soli. Una lunga estate sì, che non fa notizia, ma che perde per strada i pezzi e all’orizzonte il silenzio di chi non ci sarà più. Almeno quest’anno il turismo migliorerà, forse.

Quella strana sensazione che nessuno si renda conto che le cose non solo stanno precipitando, ma la famosa ripartenza ha lasciato, come sempre, indietro gli ultimi. Lo vediamo nei locali che provano a partire dal basso, senza grossi investimenti e lo maturiamo giorno dopo giorno leggendo la situazione culturale digitale di questo paese. Il sistema non solo sta permettendo di creare ancora più gap ma quello che resta in fondo, piano piano, sta maturando l’idea di mollare tutto. Così perderemo identità, opportunità e varie forme di arricchimento professionale, individuale e collettivo. Siamo spaventati e fragili davanti a tutto questo, l’entusiasmo non è quello dei giorni migliori e spesso ci si interroga su quale possa essere la soluzione. Guardare altrove sarebbe un modo semplice per scappare, ricostruire è impossibile, creare invece una necessità, che diventa missione nella misura in cui davvero operatori culturali e addetti ai lavori (che parola orrenda da usare scusate) continuano a sostenere un modello vicino al cortocircuito che sembra vivere di selezione naturale. Siamo i primi ad aver sbagliato nell’inseguire tutto questo, ma la consapevolezza di quante persone stanno rimanendo indietro fa spavento, solo che adesso, alla luce dell’ottimismo culturale che contraddistingue la nostra bolla e i sistema media, non fa più notizia raccontare la fine di questo spazio o l’aspetto psicologico di chi prova a lavorare in questo settore. Per sopravvivere dunque devi stare al modello che dovevamo abbattere, quello che davanti a una pandemia ci ha reso inutili e giustamente insignificanti. Perchè se continua la corsa alla statistica, al numero, al posizionamento, non solo la rilevanza del settore è sottostimata ma è anche incalcolabile/non quantificabile l’importanza della cultura nel nostro paese. Non può essere solamente una questione legata alle entrate nei musei, ai grandi eventi da migliaia di persone o al turismo che genera, qua si parla di identità e formazione. Consapevole o meno, non importa. Passiva o attiva nemmeno. La cultura deve essere un passaggio generazionale, deve essere in grado di capire il tempo e restare sempre viva, accessibile e personale. Non esiste cultura di serie a e cultura di serie b, non esiste uno spazio che funziona e uno spazio che non funziona. Non è quello che resta, non è quello che ci serve per non sentirci soli. Occorrono tutele per tutti, strumenti e idee applicabili dal basso verso l’alto, in grado di dare opportunità per restare vivi, davvero. Perchè i numeri passano, l’identità resta e noi, non possiamo permetterci di perdere nessuno.

††MEGADROPSPRING††

La vista ormai è quella estiva. Per fortuna. Anche se all’orizzonte non ci sono proprio degli scenari fantastici, noi continuiamo a pensare al futuro anteriore con i brani del nostro ††MEGADROPSPRING†† che sancisce ufficialmente l’arrivo della primavera. 30 tracce, 30 protagonisti, quasi tutti nuovi e mai pubblicati da noi altri in questo famoso percorso di ricerca nei meandri più pazzi di soundcloud. Oh, d’altronde per sfuggire a quello che viviamo tutti i santi giorni, ci sembra il minimo dover scavare proprio dove si nasconde il meglio della discografia Italiana del futuro. Ormai i generi non esistono più, mettetevi l’anima in pace e condividete questo meraviglioso cupido.


††MEGADROP†† è un nuovo percorso che abbiamo creato con la naturale esigenza di condividere e ascoltare nuove proposte, la copertina è di @livialbanese, se avete voglia, proponeteci le vostre canzoni su info@collettivohmcf.com la pubblicazione è gratuita, non chiediamo soldi e non vendiamo un cazzo di niente. Benvenuta primavera.

☻BANDCAMP TAPE.03☻

Come nelle migliori festività, abbiamo avuto tempo di mettere insieme il meglio che abbiamo trovato su bandcamp. Dischi che abbiamo salvato, artisti nuovi che non sappiamo nemmeno se esistono sul serio, realtà che vanno sostenute e spinte perchè qui si muovono in totale indipendenza e senza compromessi. Se ci chiedete un genere, vi rispondiamo che si può ballare e a tratti cantare, sicuramente qualcosa dentro si muove e alla fine ogni volta su questa piattaforma, con questi protagonisti è sempre una nuova rinascita. Sarà la primavera e la nostalgia del freddo cupo, ma alle porte c’è una gran voglia di sprigionare una marea di energia e gridare, cavolo quanto c’è da gridare, che tutto il mondo fa schifo ma almeno, non siamo mica soli. Prendetevi il vostro tempo e ascoltate questi dischi. Alcuni usciranno a brevissimo, noi avevamo il dovere di segnalarveli.


GSQ – ESOTICA PER BAMBINI (RESILIENZA RECORDS)

MOSTLY VOID STUFF – MOSTLY VOID STUFF (CYESS AFXZS)

CATERINA BARBIERI – FANTAS VARIATIONS 

VENICE HARDCORE FEST – UNITED WE STAND COMPILATION 

HUBSTRACT_ – HUBSTRACT_002 

LAST LIFE – VAR EP

DAGS! – A CHANGE IN THE NARRATIVE IS A DECEIT 

VOODOO EFFECT – VOODOO BY NIGHT EP 

NI_SO – RELEASE OURSELVES (THE REMIXES)

ZIST – નિદાન

ENZALLA – MEADOWS

VITO LALINGA (VI MODE INC. PROJECT) – SENEGAL’S LOVE DESIRE

GEORGIA – STATE EFFECT (ACCEL) (OOH SOUNDS)

WHITNEY K – TWO YEARS (MAPLE DEATH RECORDS)

MØAA – EUPHORIC RECALL (WWNBB COLLECTIVE)

AENDLEX – HOLY CAMPFIRE

MR TAV X TUISKU – WHERE ARE WE GOIN?/IF NOT NOW, WHEN?

RADIO SUGO – ORGANIC TAPES VOL.1

KIMKO – LOW TIDE

TRRRMÀ – MIXTAPE VOL.1


☻BANDCAMP TAPE☻ è un modo per mettere insieme la musica che ascoltiamo in quello che reputiamo il mezzo migliore per trovarla. Ci sono nuove uscite e rarità, se volete vi basta mandarci tutto a info@collettivohmcf.com noi continuiamo a cercare, voi seguiteci nel viaggio.

††MEGADROPFESTIVAL††

Con l’arrivo della primavera volevamo creare un festival immaginario, frutto del nostro lavoro dell’ultimo anno su soundcloud. Quindi abbiamo scelto di racchiudere qualcosa di nuovo (ma non solo) in una strepitosa line/up digitale divisa in 3 giorni. Forse è solo il primo passo di un vero e proprio soundcloud basement che qualche casa discografica dovrebbe pensare o più semplicemente l’ennesimo modo per farvi ascoltare cosa proviene dal futuro, senza filtri, dritto per dritto. MEGADROP è stato un viaggio pazzesco e continua a essere un vero e proprio punto di riferimento anche perché ogni settimana riceviamo una valanga di proposte meravigliose. Le copertine di questa meravigliosa tre giorni sono tutte di @livialbanese // come al solito tutte le proposte potete mandarle alla nostra mail -> info@collettivohmcf.com benvenuta primavera non vediamo l’ora di fare un post rave.


Lo-Fi Beats Italia

Avevamo bisogno di mettere insieme i pezzi di questi ultimi anni. Abbiamo visto che il movimento Italiano del genere è tra i più attivi e apprezzati in tutto il mondo e allora ci siamo messi a scavare per realizzare questa playlist, che forse è una compilation, che sicuramente verrà aggiornata. Quello che si nasconde nel sottosuolo, ogni giorno tiene compagnia a una marea di persone in giro per il mondo, che magari vogliono rilassarsi o staccare un momento dalla loro routine. Questi produttori agiscono spesso con computer e strumenti per campionare ma hanno soprattutto il potere di toccare le corde giuste, per molte persone. La cultura Lo-Fi Beats nasconde delle regole, ha un proprio credo ed è sicuramente più attuale di ciò che possiate credere; qualche anno fa abbiamo avuto la fortuna di conoscere personalmente e digitalmente molti di questi protagonisti. Il movimento viveva anche dal vivo, in giro per l’Italia e tante nicchie si ritrovavano ad appuntamenti annuali o mensili importanti. Si prendevano treni, si partecipava e si condivideva. Quello che succederà, appena tutto quello che stiamo vivendo finirà, non lo sappiamo, ma sicuramente c’è molta benzina per creare qualcosa di nuovo intorno a queste realtà. Noi nel nostro piccolo vogliamo iniziare con 30 canzoni per farvi conoscere qualche protagonista, sicuramente ci siamo dimenticati qualcuno ma rimediamo come al solito nelle prossime settimane. E se volete consigliarci qualcuno, non esitiate a scriverci.

Buon ascolto, pronti al prossimo viaggio.

Classe 2022 – guida cult in vista del futuro.

Nemmeno il tempo di far arrivare la primavera e noi pensiamo già al prossimo anno, non questo eh, quello dopo. D’altronde abbiamo iniziato due anni fa con la Classe2020 e qualcosa abbiamo indovinato, mentre negli ultimi 365 giorni abbiamo visto crescere anche la Classe2021 e insomma, possiamo dire che questo focus porta solamente fortuna ai protagonisti che selezioniamo. Come sempre, aldilà di ogni polemica sterile, è possibile che ci siamo dimenticati qualcuno ma possiamo sempre rimediare, tanto il nostro indirizzo lo sapete, la Classe di quest’anno magari avrà una disposizione diversa.

††MEGADROPPATASANREMESE††

Abbiamo deciso di creare il nostro festival di Sanremo alternativo su Soundcloud con il meglio che è uscito durante la settimana (o almeno molto a ridosso); come sempre, nemmeno ve lo scriviamo perché da qui passa veramente il futuro della musica Italiana. Presto, ve l’abbiamo anticipato, questo appuntamento avrà un trasferimento notevolissimo su la piattaforma dei nostri amici di Sottoterra Magazine, dove andremo a raccontare i protagonisti della soundcloud arena con qualche dettaglio in più. Per oggi invece, in attesa della splendida e lunghissima serata finale della manifestazione canora più importante del nostro paese, ci sono queste perle che dovete salvare perché meritano davvero. 

††MEGADROPPATACIAOINVERNO††

L’inverno sta volando via. Le magliette a maniche corte sono già pronte a essere indossate da grandi e piccini, mi raccomando la mascherina dobbiamo dirlo altrimenti ci denunciano. Comunque per salutare questo periodo abbiamo messo insieme il meglio che ci propone soundcloud, come al solito e siamo riusciti a scoprire della roba che spacca; ci sono dei generi musicali nuovi, che forse vengono dal passato, forse dal futuro, sicuramente fanno posizionamento al presente. Qui dentro come al solito c’è di tutto e alla fine non fa nemmeno così paura, questa è la rubrica più ascoltata dai discografici pigri di tutto il centro/nord Italiano e se andiamo a pescare qualche talento delle prime puntate ormai riempie lo stadio. Nelle prossime settimane porteremo questa nostra ricerca a uno stato successivo, magari su altre piattaforme, con altri amici. Scoprirete insomma che ci danno dei soldi per propsare questi artisti (cavolo quanto siamo giovani a utilizzare propsare?!).

Fatto, finito, ciao inverno. Grazie a tutti. Con l’arrivo della primavera torniamo, nel frattempo ci ricordiamo di tutti. Ecco il meglio. Baci baci. 

††MEGADROPPATADIFEBBRAIO††

Abbiamo raccolto le idee e torniamo a rilanciare. C’è tanto di quel materiale da pompare che non abbiamo nemmeno bisogno delle palestre (brutta questa battuta, l’abbiamo letta su un sito di musica rap). Al solito, la formula non è cambiata però questa volta abbiamo premiato maggiormente una serie di cantautori lo-fi molto interessanti, insomma anche noi siamo diventati più maturi o almeno vogliamo darci un tono, però tranquilli, non mancano le tracce che provengono dal futuro, i remix, le interpretazioni dei propri incubi da sonnambuli. Ecco, Febbraio dura estremamente poco poi ci trascina alla primavera, voi non fatevi sfuggire ma il tempo e aggredite questa playlist, come sempre, tra qualche anno, potrete dire: questo l’ho scoperto io prima degli altri. Bravi tutti.


1 2 3 4 7
Close